Visita virtuale

Vi invitiamo per una passeggiata virtuale attraverso il Giardino delle Farfalle di Sayn. Cliccate sulla mappa per sapere cosa scoprirete durante questa fantastica visita.La visita comincia entrando nella serra attraverso un passaggio a temperatura controllata (Klimaschleuse). All´interno, la temperatura media diurna è di circa 26 °C, con circa 70 % di umiditá.

Spaziergang

Girate a destra in direzione delle vetrine (Schaukasten). Quella piú grande contiene delle crisalidi (Puppe), che spesso sembrano foglie secche o pezzetti di legno, ma in realtá sono vive, ed è proprio al loro interno che avviene il miracolo della metamorfosi, e cioè quando le crisalidi si trasformano in meravigliose farfalle. Se siete fortunati, potrete osservare una di queste metamorfosi, che generalmente accadono al mattino. Il guscio della crisalide comincia a rompersi all´improvviso e all´interno, un insetto adulto si fa lentamente strada verso il mondo esterno. Poi la farfalla, una volta uscita dall´involucro, si ferma un momento per pompare sangue nelle ali che sono ancora piegate intorno al corpo. Lentamente le ali ancora umide si aprono, fino a raggiungere la loro dimensione normale.

Finalmente la farfalla puó fermarsi a riposare, aspettando che le ali si asciughino completamente. Dopo circa 30 minuti è pronta per il primo volo, e si libera nell´habitat tropicale della serra. Nella vetrina adiacente si trovano altri curiosi insetti, come tarantole e scorpioni. A questo punto, il sentiero passa per il ponte di Filippa. Il nome è quello della seconda figlia dei Principi Alexander e Gabriela zu Sayn-Wittgenstein-Sayn. Gli altri 6 ponti portano i nomi degli altri figli dei principi: Heinrich, Alexandra, Casimir, Louis, Sofia e Christian-Peter. Se invece si decide di non traversare il ponte di Filippa, dirigendosi invece verso il ponte di Sofia, si passa attraverso un sentiero nella giungla (Dschungelpfad). Qui troverete una sorta di “mangiatoia” con della frutta che viene offerta come parte complementare dell´alimenta-zione delle farfalle, le quali si nutrono principalemente del nettare dei fiori.

Schmetterling

All´interno dei padiglioni del Giradino delle Farfalle troverete infatti numerose piante, fra le quali l´Ibiscus e la Lantana, produttrici di abbondanti quantitá di nettare, che le farfalle possono aspirare grazie ad una sorta di lunga “proboscite”. Dal ponte di Alexandra potete osservare le giganti carpe giapponesi Koi, che nuotano nel ruscello, e le tartarughe acquatiche, appollaiate su dei sassi in superficie. Continuando la passeggiata verso destra, attraverso il ponte di Sofia, passerete accanto alla siepe di ibiscus. Attenzione! A questo punto potrebbe passare furtivamente una famiglia di quaglie nane cinesi, con i minuscoli pulcini…. Questi ultimi possono infatti giá correre dietro la madre a pochi giorni dalla nascita, pigolando alla ricerca di cibo. Ma necessitano ancora, per almeno 15 giorni, del calore protettivo dei genitori.Dall´alto del ponte di Sofia si gode di una magnifica vista su tutto il giardino, con in sottofondo il cinguettio dei pappagallini australiani, o pettirossi africani.Nelle non distanti teche in vetro, sono espote diverse specie di insetti, che, come le farfalle, hanno sviluppato delle techniche di sopravvivenza, in armonia con il loro habitat. Certi sono cosí ben camuffati, che bisogna guardare con molta attenzione per scovarli fra le foglie ed i rami.

Schildkröte

Sulla destra, passando attraverso un corridoio, si accede alla casa dei bruchi e delle falene (Nachtfalter- und Raupenhaus). Al suo interno vi potrete osservare, fra le tante farfalle notturne, anche la famosa Atlas Attacus, la cui apertura alare puó raggiungere i 25-30 centimetri. Come tutte le farfalle notturne, vola prevalentemente di notte, e si riposa di giorno. In questa parte del giardino si trova anche una sorta di ”asilo nido”, dove potrete osservare l´intero ciclo vitale delle farfalle che alleviamo. È importante sapere che quasi ogni specie di farfalle esistente al mondo necessita di una pianta ben precisa per deporre le uova. Le foglie di questa pianta servono poi da nutrimento ai bruchi. Senza questa pianta specifica, non ci sarebbero nuovi piccoli. Tornando all´interno del padiglione principale, e proseguendo verso destra, si passa accanto ad una grande cascata (Wasserfall) contornata da felci, orchidee ed alberi di banane.

È il nascondiglio preferito delle nostre belle iguane verdi! Passando sopra il ponte di Louis, si raggiunge il lato piú a sud della serra, dove le farfalle amano particolarmente svolazzare, soprattutto nei giorni soleggiati. Continuando in questa direzione si arriva alle panchine (Sitzbänke). Qui accanto, nei rettilari, è possibile osservare i lenti movimenti dei serpenti e dei camaleonti. Da questo punto, un sentiero di orchidee (Orchideen) sulla sinistra vi porta sul ponte di Christian-Peter, che è l´unico ponte coperto all´interno del Giardino. Da qui, attraversando il ponte di Filippa, si puó raggiungere l´uscita. Oppure, perché non passare ancora un pó di tempo in questo meraviglioso Giardino delle Farfalle, dato che rimangono ancora tante cose interessanti da scoprire!? Nella nostra boutique (Boutique) potrete acquistare dei simpatici souvenirs della vostra visita, o degli interessanti libri sul mondo delle farfalle.

Bibite, panini e gelati sono in vendita al nostro bar (Kiosk). Per finire, vi invitiamo a seguire il sentiero nel parco, intorno al Giardino delle Farfalle (Naturpfad), dove vi mostreremo delle specie di farfalle locali nel loro habitat ideale, e vi daremo consigli su come mantenere il vostro giardino. Qui troverete inoltre un semenzaio, un´orto, un piccolo stagno, ed un frutteto. Se avete delle domande, non esitate a chiedere ai nostri biologi, che saranno felici di potervi aiutare. Nel nostro Pavilion vengono allestite mostre e proiezioni di video, attinenti a vari aspetti del mondo delle farfalle. Il programma cambia regolarmente durante tutta la stagione.